Il ferro da stiro verticale è un elettrodomestico rivoluzionario apparso in commercio da non molto. L’obiettivo di questo prodotto è quello di stirare gli indumenti in tutta comodità, senza piegare la schiena in tavola da stiro.

Spiegheremo qui le caratteristiche principali di questo nuovo prodotto, perché preferirlo al ferro da stiro tradizionale e come usarlo.

Perché preferire un ferro da stiro verticale

Come ogni scelta, ci sono i pro e i contro per ogni cosa. Il ferro da stiro verticale ha un vantaggio non indifferente, quello della comodità, e per chi sta per ore nell’intento di stirare decine di camicie o pantaloni questo aspetto è sicuramente un vantaggio non indifferente.

Ma la comodità va a compensare uno svantaggio sicuramente da considerare. Infatti, il ferro da stiro tradizionale presenta la punta che consente di stirare tenendo anche cura dei dettagli, soprattutto nella stiratura di colletti e maniche, le parti più difficili in una camicia.

Altro aspetto vantaggioso è la velocità di stiratura e la semplicità d’uso sia nel neutralizzare gli odori fastidiosi, sia per l’igienizzazione dei capi. Sicuramente, il ferro da stiro verticale è molto più utile per single o coppie che hanno poco tempo per via del lavoro o hanno poco spazio per mettere una tavola da stiro in casa. Infatti, i ferri da stiro di tipo verticale facilitano i movimenti e non intralciano molto.

Come funziona il ferro verticale

Bisogna dire che il ferro da stiro verticale offre tutt’altra esperienza rispetto a quello tradizionale, e questo accade per alcune caratteristiche peculiari del prodotto in questione.
L’abito, o il pantalone, oltre che la camicia, vengono messi in una gruccia estraibile, che può anche essere estraibile, favorendo l’azione di stiratura.

Il serbatoio dell’acqua è più piccolo rispetto ad un ferro da stiro classico, inoltre, sono leggeri e realizzati in plastica, il che li fa scaldare in pochi istanti. I vari modelli hanno getto di vapore differente, e questo ne fa distinguere le prestazioni. I getti di vapore si aggirano sui 50 grammi al minuto, che comunque possono assolutamente bastare per stirare un bel po’ di indumenti.

Ma ci sono ferri da stiro verticali abbastanza costosi che riescono a dare delle prestazioni davvero ottime. Altro fattore fondamentale è sicuramente la potenza. Il valore di watt medio è di circa 1500, il che ne fa un buon ferro da stiro, ma ci sono ferri da stiro verticali compatti che hanno una potenza minore, ma tutto dipende dall’uso che se ne vuole fare.
Per fare agire al meglio il ferro da stiro è bene dotarsi di spazzole da fissare nell’erogatore e guanto che si isolano dalla temperatura.

I modelli migliori e i più utilizzati

La scelta di un ferro da stiro verticale non è mai facile, perché quando si parla di un prodotto tutto nuovo ci sono pochi precedenti a cui fare affidamento.
I prezzi per questo prodotto si aggira dagli 80 ai 300 euro, tutto dipende, ovviamente, dalla qualità e dalle caratteristiche del prodotto.

Ci sono poi i modelli da viaggio. Questi costano molto meno, e si può acquistare ad esempio un ferro da stiro Ariete a soli 33 €, e il rapporto qualità prezzo non è affatto male.
Per i ferri da stiro verticali da casa è consigliato il Philips Stream e Go Plus, che con un prezzo di 80 € consente di stirare anche in maniera orizzontale oltre che in modo tradizionale.
Poi ci sono alcuni modelli Singer, famosa più per le sue macchine da cucire. La sua Streamworks Pro riesce ad avere un’autonomia di almeno un’ora e mezza e un sistema di regolazione che agevola la stiratura.

Il ferro da stiro verticale di Rowenta presenta tre posizioni differenti per rendere più facile la stiratura, sia in maniera verticale che orizzontale e si attiva nel giro di poco più di 60 secondi. Il getto di vapore si aggira sui 90 grammi al minuto Insomma si sta parlando di un prodotto davvero all’avanguardia che, però, ovviamente si fa pagare benissimo. Il prezzo di listino si aggira intorno ai 330 €, ma parliamo di un piccolo gioiello comodo, ergonomico e con prestazioni da fare invidia a molti ferri da stiro tradizionali.

Seguici | Metti mi piace: