Skip to content

Stampi in resina: cose da non sottovalutare

Posted in Industria & Artigianato

Utilizzi gli stampi in resina? Se ti stai chiedendo quale tipo di resina dovresti scegliere, sei sulla pagina giusta. È un dato di fatto, questa è una delle domande più comuni che le persone chiedono quando intendono cimentarsi con la creazione di monili artigianali con la resina. Continua a leggere questo articolo e scoprirai certamente qualcosa in più su questo processo artigianale.

Naturalmente, è importante tenere presente che non esiste una taglia unica per quanto riguarda la resina. Pertanto, è necessario considerare molte cose prima di fare una scelta. Se hai appena iniziato come fonditore in resina, ti suggeriamo di provare prima una resina epossidica. Il motivo è che è più facile lavorare con la resina epossidica poiché non è necessario indossare una maschera respiratoria. Inoltre, è la più duttile in caso di diversi tipi di fattori ambientali.

Cosa non devi sottovalutare degli stampi in resina

Uno degli aspetti positivi della resina epossidica è che ha la durata di conservazione molto lunga. Infatti, hai tra 20 e 40 minuti per lavorarci, il che è un sacco di tempo. Pertanto la resina epossidica è la scelta ideale per i principianti. Se vuoi ottenere modelli dal colore chiaro, ti suggeriamo di iniziare con la resina trasparente. A questo proposito, è importante tenere presente che la resina trasparente non è priva di colore. Infatti, anche se hai a che fare con una resina più chiara, otterrai una tinta gialla in base alla marca di resina che hai scelto.

Se hai delle perplessità sulla resina da comprare, potresti chiedere al tuo rivenditore prima di prendere una decisione di acquisto. In generale, il costo di una resina trasparente sarà superiore a quello della resina normale. Se hai intenzione di mettere la resina su qualcosa che non ha lati, la resina epossidica può essere un’ottima scelta per te. Il motivo è che questo tipo di resina presenta la tensione superficiale extra. Questo è uno dei fattori che impedisce alla resina di scorrere sui lati. Tuttavia, tieni presente che troverai più difficile rimuovere le bolle dal tuo monile in lavorazione.

Vantaggi e svantaggi di utilizzo di una resina epossidica

È importante tenere presente che la resina epossidica ha una serie di vantaggi e svantaggi. Pertanto, come principiante nel campo della creazione di gioielli, potresti voler provare diversi tipi di resina. Alla fine, sarai in grado di fare la scelta giusta. Durante la fusione di resina epossidica, soprattutto per la prima volta, potresti finire per scalfirti le unghie. Inoltre, la resina poliuretanica e poliestere diventa molto dura una volta secca. In effetti, le lavorazioni prodotte appariranno chiare e dure come il vetro.

Alcuni tipi di poliuretani e poliestere hanno un odore così cattivo che dovrai indossare una maschera respiratoria prima di intraprendere una qualsiasi tipologia di lavorazione artigianale. Tuttavia, la cosa buona è che la resina poliestere è più economica e può essere un’ottima scelta se si desidera fondere stampi in resina profondi.

D’altra parte, il poliuretano ha relativamente meno problemi di polimerizzazione. Inoltre offre molte opzioni tra cui scegliere. In breve, se hai intenzione di acquistare una resina epossidica, ti suggeriamo di tenere a mente questi suggerimenti che ti abbiamo fornito.

Seguici | Metti mi piace: